pads

All posts tagged pads

PCB Design: ecco tutte le novità di PADS VX.2.2

on 18 Luglio 2017

La maggiore novità per il PCB Design delle ultime settimane è il rilascio della versione VX.2.2 di PADS da parte di Mentor, società che da qualche mese è parte della grande famiglia Siemens. PADS negli ultimi mesi è in grande rimonta, rispetto al suo concorrente diretto Altium, per via dell’integrazione tra i vari tool a supporto della progettazione del PCB nell’ambito di un unico ambiente, la PADS Product Creation Platform, che hanno reso PADS lo strumento in assoluto più completo a disposizione del progettista elettronico.

La gran parte dei miglioramenti sono frutto dei contributi degli utenti stessi, grazie a Mentor Ideas, lo strumento che permette a qualunque utilizzatore di inoltrare proposte per il miglioramento degli applicativi.

Ecco dunque l’elenco dei principali cambiamenti di cui è possibile usufruire scaricando la versione VX.2.2, se si è già utenti in manutenzione, o acquistandone una nuova. Gli attuali utenti di Altium possono consultare le nostre guide per la migrazione da Altium a PADS.

PADS Designer VX.2.2

  • Nuovo Display Control per la gestione delle viste dello schematico e della stampa
    • Funzioni similari al Display Control di layout (PADS Pro / Xpedition)
      • Favorites
      • Hide unused items
      • Search
      • Schemes
    • Part Replace: miglioramenti nella gestione del Property Mapping
    • Integrazione xDXDatabook in Search
    • Design Verification in Search
    • Possibilità sostituzione component con simboli differenti in Variant Manager

PADS Layout VX.2.2

  • Miglioramento procedure di migrazione:
    • Migrazione PADS / PADS Professional / Xpedition
    • Migrazione Librerie
    • Da Librerie PADS Designer e PADS Netlist a Central Library (Flusso Integrato)
    • Migrazione Progetti
    • Migrazione delle Electrical Nets e Design Rules da Flusso Netlist a Flusso Integrato
    • Migrazione da Prodotti concorrenti
  • Le lunghezze “Electrical net” ora considerano anche la lunghezza del componente (Flusso Integrato con Constraint Manager)
  • Miglioramenti generali su Variant Manager e CAM
  • Implementazione nuovo CAM Integrity Test

PADS Layout / PADS Professional VX.2.2

  • 3D mapping per Decal alternative
  • Miglioramento generale prestazioni

Mentor Ideas

Tutti gli utenti PADS possono contribuire costantemente al miglioramento del prodotto, inserendo proposte all’interno del sito Mentor Ideas, oppure accedendo al comando “Submit an Enhancement” direttamente dall’interno dell’applicativo, nel menu Help di PADS Logic, Layout e Router.

Leggi tutto...
CadlogPCB Design: ecco tutte le novità di PADS VX.2.2

DDR SDRAM, come mantenere il controllo col crescere delle prestazioni

on 5 Luglio 2017

Le DDR SDRAM sono alla base delle prestazioni più avanzate dei dispositivi di cui ci serviamo oggi, dagli smartphone ai computer, dalle console dei videogiochi ai server. Senza questi componenti elettronici così importanti, la nostra vita quotidiana sarebbe molto diversa. Ad ogni nuova generazione di DDR, crescono i vantaggi, grazie alla maggiore velocità e capacità e al minor consumo di energia. Il fenomeno è ben descritto nel libro bianco “The Design Advantages and Signal Integrity Challenges of DDR SDRAM”, scaricabile da questa pagina.

Cos’è la DDR SDRAM

Piedinatura delle diverse memorie DDR a confronto

DDR SDRAM è un acronimo che sta per Double Data Rate Synchronous Dynamic Random Access Memory (“memoria dinamica ad accesso casuale sincrona a doppia velocità”), per indicare un tipo di memoria RAM. La DDR SDRAM ha una larghezza di banda maggiore rispetto alla normale SDRAM, dal momento che trasmette i dati sia sul fronte di salita che sul fronte di discesa del ciclo di clock. In tal modo raddoppia la velocità di trasferimento, senza aumentare la frequenza del bus di memoria. Quindi un sistema DDR ha un clock effettivo doppio, rispetto a quello di uno basato su SDRAM standard.

Nel corso del tempo si sono succedute più generazioni di memoria SDRAM. Nel 2003 è arrivata la DDR2 SDRAM, caratterizzata da una maggiore velocità nel trasferire dati da e verso l’unità centrale di calcolo. Nel 2007 è stato il turno della DDR3, con una velocità di trasferimento tra gli 800 Mbit/s e i 1.600 Mbit/s e oltre. Successivamente è arrivata la DDR4, ma è incompatibile con le precedenti specifiche per la RAM, a causa delle diverse tensioni elettriche, dell’interfaccia fisica e di altri fattori.

Affrontare i problemi di Signal Integrity (SI)

La DDR3 usa una topologia “fly-by”, il che significa che l’Address/Command/Control e il Clock sono interconnessi in serie (“daisy-chain”) da un componente DRAM al successivo. Ciò comporta nuove sfide per i progettisti in termini di integrità di segnale (SI), soprattutto per ciò che riguarda le strategie di terminazione, le velocità di trasmissione (bit rates) più alte e timing skew.

Si tratta di relazioni legate al tempo difficili da analizzare. Per identificare e risolvere i guasti dei dispositivi DDR in generale, o per risolvere in modo specifico complicate relazioni di timing, i progettisti dovrebbero risalire in modo puntuale alle cause, il che rappresentebbe un compito molto oneroso.

Una chiave di soluzione possibile è rappresentata da PADS HyperLynx DDR, che consente ai progettisti di simulare e analizzare circuiti DDR complessi direttamente col proprio PC, per garantirsi un prodotto ottimizzato. Il tool PADS HyperLynx DDR, opzione delle suites PADS, è in grado di analizzare le problematiche nei progetti con SDRAM DDR1, 2 e 3. Quando nel dispositivo è inclusa una DDR4 è necessario ricorrere al DDRx Wizard di HyperLynx SI.

Scarica il white paper:

DDR SDRAM – Design Advantages and Signal Integrity Challenges

Il libro bianco di Mentor Graphics affronta i diversi fattori che hanno un impatto sulla Signal Integrity nei progetti di dispositivi con DDR SDRAM e i metodi per gestirli in modo efficace.

Leggi tutto...
CadlogDDR SDRAM, come mantenere il controllo col crescere delle prestazioni

Analisi dei segnali analogici e misti: cosa si può fare con PADS AMS Suite

on 21 Giugno 2017

Per l’analisi dei segnali analogici e misti nel progetto elettronico, una delle soluzioni più interessanti e originali è costituita dalla PADS AMS Suite, che combina soluzioni sia cloud che desktop, in modo da soddisfare la varietà di esigenze che oggi si presentano nei gruppi di progettazione. Grazie alle analisi precoci che è possibile effettuare con questo strumento, la prototipazione virtuale già nella fase iniziale del progetto diventa una realtà.

La PADS AMS Suite ha aggiunto importanti novità, rispetto ai tool predecessori, come il motore di simulazione SystemVision, o la possibilità di utilizzare i modelli basati su SPICE e VHDL. È inoltre possibile effettuare la simulazione parametrica o la sensitivity analysis, con la visualizzazione delle curve di diffusione e gli istogrammi.

Rispetto a software concorrenti come PSpice, PADS AMS Suite ha anche il vantaggio di costare molto meno (circa la metà), a parità di funzioni.

Ecco di seguito il flusso di progettazione in PADS AMS Suite.

pads ams suite design flowIl disegno dello schematico in cloud

Una caratteristica sicuramente apprezzabile della AMS Design Suite è la sua versione cloud. AMS Cloud mette a disposizione un simulatore misto analogico digitale, che ha le funzionalità base, ma è gratuito per chiunque. È possibile gestire fino 5 progetti privati. I progetti di numero superiore devono essere resi pubblici nella directory condivisa.

Una volta disegnato il progetto, quest’ultimo può essere importato nello schematico di PADS.

Ecco come si presenta visivamente l’ambiente di PADS AMS Cloud:

I casi d’uso di questo tipo d’applicazione sono molteplici:

  • un esempio è costituito da una società di progettazione, il cui cliente realizza il disegno dello schematico con AMS Cloud. Quando il progetto è pronto, può essere caricato all’interno di DX Designer, dove i progettisti della società realizzeranno la sbrogliatura del PCB layout;
  • un altro esempio è quello dell’azienda con tanti progettisti a lavorare contemporaneamente, che può metterne tanti insieme a lavorare sullo schematico senza bisogno di acquistare licenze aggiuntive di software.

È possibile cominciare subito a utilizzare PADS AMS Cloud. Basta collegarsi al sito SystemVision ed effettuare il login, oppure creare un account, se non se ne dispone già.

Le caratteristiche di AMS suite

Vediamo in breve alcune delle caratteristiche più qualificanti di PADS AMS Suite, con l’aiuto delle immagini di schermate tipo.

PADS AMS Suite consente di modellare e simulare segnali analogici e misti, oltre a circuiti di tecnologia mista, per garantire i requisiti del circuito stesso e raggiungere gli obiettivi di prestazioni.

Catturare e definire lo schematico è facile, grazie a una navigazione intuitiva del tool e del progetto, a un supporto completo della gerarchia, alla libreria gratuita d’avviamento, agli attributi di progetto avanzati e alla gestione delle regole di progetto.

La simulazione pre-layout consente di eliminare i problemi di integrità di segnale e di ottimizzare le topologie dei segnali critici e delle terminazioni.

Per maggiori dettagli è possibile scaricare il datasheet di PADS AMS Suite.

Per una descrizione esauriente, è possibile scaricare l’esauriente presentazione di Josh Moore compilando il modulo sottostante.

Scarica ora la presentazione:

PADS AMS Suite

Sommario:

  1. PADS VX.2 Release
    PADS AMS Design Suite
  2. Mentor Graphics
    Delivering Scalable Solutions for PCB Design
  3. PADS Product Creation Platform
    Electronic Product Design
  4. PADS Analog / Mixed-Signal
    Addressing Analog / Mixed-Signal Challenges
  5. PADS AMS Design Suite
    Front-end design and simulation environment
  6. PADS AMS Design Suite
    Analog / mixed-signal simulation and analysis
  7. PADS AMS Design Suite
    Design Flow
  8. PADS AMS Design Suite Contents
  9. Schematic Design
  10. Component Data Management
  11. Pre-Layout Topology Exploration
  12. Analog / Mixed-Signal Circuit Simulation
  13. Constraint Management
  14. Variant Definition and Management
  15. Intelligent PDF
  16. Core Simulation and Analysis
  17. Simulation and Modeling
  18. Waveform Viewing
  19. Advanced Analyses
  20. Advanced Analyses
    Value / Benefits
  21. Advanced Analysis
    Parametric Sweeps
  22. Advanced Analysis
    Sensitivity
  23. Advanced Analysis
    Monte Carlo
  24. Advanced Analysis
    Worst Case
*
CAPTCHA image

* Campo richiesto

Leggi tutto...
CadlogAnalisi dei segnali analogici e misti: cosa si può fare con PADS AMS Suite

Progettare un PCB per la Internet of Things (IoT) – Parte 1

on 19 Aprile 2017

Progettare un PCB destinato a un prodotto IoT (Internet of Things) è un’attività nella quale è necessario affrontare problematiche specifiche, che tratteremo in questo breve tutorial.

Parliamo di Internet of Things perché in questa categoria rientrano oggi i prodotti sempre più diffusi, che spingono i progettisti a ripensare in modo del tutto nuovo non solo gli oggetti, ma anche le stesse metodologie di progettazione. I dispositivi IoT sono destinati a invadere il mondo. Secondo un recente rapporto IHS si passerà dai 15,4 miliardi di dispositivi del 2015 a 30,7 nel 2020 e a 75,4 nel 2025.

dispositivi iot nel mondoUn aspetto interessante di questa diffusione è che essa non interesserà solo le grandi aziende di elettronica. L’accessibilità delle attuali piattaforme per l’IoT ha abbassato le barriere d’ingresso per inventori, makers e giovani imprenditori, che possono passare sempre più velocemente dall’idea al prototipo.

Nell’ambito Internet of Things di più larga diffusione possiamo far rientrare due tipologie rappresentative di prodotti: i “wearables”, cioè i vari gadget destinati a stare a contatto col corpo, e i dispositivi per la domotica, come ad esempio i termostati di nuova generazione.

Il Samsung Gear Fit

Un esempio di 'fitness tracker': il Samsung Gear Fit

il termostato Nest di Google

IoT per la domotica: il termostato Nest di Google

Che progettare un PCB per un prodotto IoT abbia una particolare complessità è dimostrato dalle caratteristiche degli stessi prodotti IoT. Prendiamo ad esempio i fitness tracker, cioè i dispositivi che monitorano le attività svolte quotidianamente – come camminare, correre, dormire – analizzando parametri come il consumo di calorie, i battiti cardiaci o i cicli di sonno. Questi oggetti si sincronizzano in modalità wireless con smartwatch, smartphone e computer. Nonostante debbano essere molto semplici nella forma esterna, ospitano al proprio interno circuiti molto complessi, miniaturizzati e di vari tipi – analogici, digitali, RF e MEMS – che devono lavorare insieme in modo efficiente.

I convertitori analogico-digitali (ADC) vengono usati nei progetti IoT per portare qualsiasi tipo di segnale analogico verso un microprocessore. Le informazioni analogiche hanno un infinito numero di rappresentazioni, che rispecchiano fedelmente la realtà. Le informazioni digitali riducono tale gamma a un numero finito di possibilità, che pero diventano in questo modo processabili e consentono di elaborare gli input provenienti dal “mondo”.

I MEMS – Micro Electro-Mechanical Systems (microsistemi elettromeccanici) sono sensori basati sulla nanotecnologia che raccolgono informazioni dall’ambiente che li circonda per renderle utilizzabili. Dal fitness tracker che rileva i passi allo smartphone che capisce in che posizione si trova lo schermo, i MEMS sono componenti chiave dei progetti IoT.

La radiofrequenza (RF) gioca un ruolo ugualmente importante nei dispositivi IoT perché consente di connetterli alla rete tramite WiFi, Bluetooth o altri protocolli proprietari. La connettività wireless richiede ai progettisti di considerare fattori quali i requisiti dell’applicazione, i vincoli tecnologici e la diversità dei requisiti per l’integrazione tra hardware e software.

Nella prossima puntata entreremo più nello specifico di aspetti progettuali del PCB per l’IoT come la scelta dei componenti, la cattura dello schematico, il disegno del layout e la simulazione, tutte operazioni che noi ovviamente consigliamo di effettuare con PADS, la suite più completa per la creazione di prodotti elettronici.

Vedi altri articoli su: IoT, PADS.

Leggi tutto...
CadlogProgettare un PCB per la Internet of Things (IoT) – Parte 1

Aspek, nella progettazione elettronica la qualità è vincente anche al Sud

on 18 Aprile 2017

La progettazione elettronica ha le sue eccellenze anche nel Sud Italia, dove un caso come quello che oggi raccontiamo, della Aspek di Potenza, dimostra come la qualità del lavoro sia tutt’oggi il fattore che più di ogni altro consente di essere competitivi sul mercato. E pure gli strumenti svolgono un ruolo importante: in questo caso PADS, apprezzato per la sua versatilità e facilità d’uso. Ecco cosa ci ha raccontato il titolare, l’ing. Giuseppe Bilancia.

Che tipo di attività svolge Aspek?

Copriamo gran parte del processo di sviluppo dei dispositivi elettronici, a cominciare dalla progettazione. Spesso ci occupiamo anche delle specifiche, in collaborazione col cliente, se quest’ultimo non ne ha le competenze. In molti casi invece ci chiedono aiuto per l’ingegnerizzazione, sulla quale abbiamo una forte esperienza. Ciò può comportare, ad esempio, che nel corso del lavoro di sbroglio del PCB proponiamo correttivi allo schema elettrico. Essendo molto orientati a eliminare in partenza le possibili problematiche, in genere riusciamo a realizzare un primo prototipo che è già pronto per la produzione. Questo rende molto soddisfatti i clienti, perché consente di arrivare più velocemente sul mercato.

Quali sono i vostri punti di forza?

La capacità di gestire le varie problematiche legate al Design for Manufacturing (DFM), cioè alla realizzabilità del prodotto, è la nostra qualità più apprezzata. E poi siamo veloci. Il nostro metodo di anticipare in fase di progettazione le possibili problematiche, alla fine porta a un time-to-market vantaggioso. Il cliente arriva da noi con lo schema elettrico, sapendo che in 7-10 giorni può avere in mano il prototipo. Inoltre può ottenere il file 3D della scheda, che è anche una parte significativa del nostro lavoro. In certi casi, infatti, ci occupiamo della progettazione meccanica, che consente di verificare precocemente eventuali difficoltà legate alle interferenze.

Che ruolo svolge uno strumento come PADS?

PADS è senz’altro il nostro tool preferito, che ci consente di adottare l’approccio che ho appena descritto. Passiamo molto facilmente dallo schema elettrico allo sbroglio e lo strumento ci consente di importare uno schematico o una net list senza alcuna difficoltà. La parte di layout è quella che apprezziamo di più. Ma ci piace anche la possibilità di esportare i file 3D con tutte le primitive. PADS ci rende tutto il lavoro facile e molto veloce. Abbiamo in casa tutte le librerie e quelle che non abbiamo le troviamo online con grande facilità, compresi i modelli 3D.

Com’è la vita di un’azienda elettronica in un’area così poco industrializzata come il Mezzogiorno?

In effetti non possiamo negare di essere svantaggiati. È persino difficile aggiornarsi, partecipare a corsi o a eventi. I nostri clienti sono quasi tutti lontani, per lo più in Lombardia e Piemonte. Ma è anche vero che la distanza fisica tra progettista e cliente conta sempre meno. Anche trovandosi nella stessa città, alla fine non si riesce a trovare il tempo per incontrarsi…

Essere un’azienda del Sud costituisce dunque un handicap?

C’è un certo pregiudizio sicuramente, anche da parte dei fornitori. Ma la reputazione che abbiamo saputo costruire supera questi aspetti. Siamo sul mercato da 15 anni e i nostri interlocutori ci conoscono bene. Inoltre possiamo disporre di un grande patrimonio di intelligenze: i molti ragazzi del Meridione che dopo aver studiato vanno a cercare lavoro al Nord, ma poi sono ben contenti di poter tornare.

La Aspek si presenta:

Leggi tutto...
CadlogAspek, nella progettazione elettronica la qualità è vincente anche al Sud

Come e perché migrare da Altium Designer a PADS

on 8 Febbraio 2017

Nel campo del PCB Design molti progettisti che usano Altium Designer sentono i limiti di uno strumento circoscritto alle attività base della progettazione, e si chiedono come ampliare la gamma dei tool a disposizione.

Il problema per molti è come completare il progetto in tempi rapidi e col budget disponibile, dovendo effettuare analisi come l’integrità di segnale, il segnale analogico/misto, la Power Distribution Network (PDN), l’analisi termica e l’analisi di fabbricabilità.

Avere una singola interfaccia utente è utile, ma ancora di più lo è poter disporre dei migliori tool di analisi all’interno del flusso di progettazione e in collaborazione con gli altri progettisti del team. Questo è ciò che offre la PADS Product Creation Platform, veramente unica come completezza e ideale per i progettisti che si devono occupare di tutti gli aspetti della progettazione.

Perché passare da Altium a PADS

Oltre alla completezza degli strumenti a disposizione – che rendono PADS l’unica piattaforma che consente di completare un progetto di PCB ai progettisti indipendenti e ai piccoli gruppi di progettazione – ci sono altri vantaggi nel passaggio da Altium Designer a PADS.

La PADS Product Creation Platform è scalabile sia nelle funzionalità che nei costi, adattandosi così a tutte le esigenze. Le opzioni per integrare gli strumenti di schematico e PCB layout con l’analisi e la verifica sono veramente alla portata di tutti, per consentire di affrontare le sfide progettuali presenti e future.

Come migrare da Altium a PADS

La migrazione da Altium a PADS – anche di progetti già impostati – non solo è possibile, ma è anche realizzabile senza particolari difficoltà. Prima di tentare questa strada, è possibile scaricare le nostre guide alla migrazione da Altium a PADS. Le guide contengono istruzioni passo passo per passare a uno qualsiasi dei flussi PADS:

  • PADS Standard (che include lo schematico, il PCB Design e la simulazione online del segnale analogico/misto)
  • PADS Standard Plus (che include tutte le funzionalità di Constraint Management integrate in PADS Standard Plus, la gestione della libreria centralizzata, l’analisi dell’integrità di segnale e il crosstalk. Così come la simulazione termica e analogica)
  • PADS Professional (basato sulla tecnologia top-class d Xpedition, che offre le funzionalità più avanzate di auto-routing esistenti in campo industriale)

Per tutte le informazioni pratiche, si vedano le nostre guide alla migrazione da Altium a PADS.

Supporto tecnico

Se hai bisogno di informazioni aggiuntive o di supporto diretto, il nostro staff tecnico è a tua disposizione per aiutarti in ogni aspetto riguardante la migrazione in PADS dei progetti realizzati con Altium Designer.

“La migrazione da Altium a PADS non solo è possibile, ma consigliabile a chi non si accontenta di un tool per la sola progettazione dello schematico e del layout”

Chiedi informazioni:

Leggi tutto...
CadlogCome e perché migrare da Altium Designer a PADS

Dalla progettazione alla produzione, cosi col DFM sta cambiando il PCB Design

on 1 Dicembre 2016

Paul MustoEcco come sta cambiando il PCB Design grazie al DFM, o Design for Manufacturing. I software per la progettazione di PCB stanno vivendo una fase di passaggio importante, legata in particolare al rapporto tra progettazione e produzione. Per capire meglio, abbiamo chiesto il parere di Paul Musto, Direttore Marketing della Mentor Graphics’ Systems Division.

Una delle principali preoccupazioni che provengono dal mercato sembra sia la mancanza di una conoscenza diretta della produzione da parte dei progettisti.

È vero. In generale, con il lancio della PADS Product Creation Platform, abbiamo cercato di spostare il centro dell’attenzione verso la scrivania del progettista. Quest’ultimo di solito non ha molta esperienza o skill nella progettazione della scheda e tipicamente non ha molta conoscenza delle implicazioni dal punto di vista della produzione. I progettisti PCB tradizionali disporrebbero di varie fonti dal punto di vista formativo, in grado di renderli consapevoli dei requisiti di produzione e dei vincoli di cui tenere conto. Con l’evoluzione verso un design che si sposta sempre più verso la propria scrivania, questi progettisti cercano di occuparsi di tutto e così sanno di meno su quali sono i requisiti di produzione che rendono i loro progetti più facilmente realizzabili.

Ciò che possiamo fare come fornitori di strumenti è dare loro la possibilità di effettuare in modo facile e intuitivo i controlli basati sulla producibilità nei loro progetti, direttamente dal proprio desktop e con la possibilità di ottenere tutte le informazioni e i feedback di cui hanno bisogno per procedere correggendo le violazioni. Abbiamo un prodotto chiamato DFMA, disponibile direttamente all’interno dell’ambiente PADS, che include più di 100 dei più comuni controlli di DFM (Design for Manufacturing). Effettuando tali controlli è possibile ottenere un feedback grafico che evidenzia errori e violazioni, consentendo di intervenire per risolverli in modo intuitivo.

E quali sono invece le preoccupazioni dei progettisti?

Ci sono due aspetti diversi. Per prima cosa i progettisti non vogliono inviare i propri progetti e poi vederseli tornare indietro a causa di violazioni o di problematiche dal punto di vista della producibilità. Inoltre può succedere che chi si occupa della fabbricazione cambi i contenuti del progetto per migliorare la resa e la producibilità oppure che, di fronte a un errore, faccia quello che può per correggerlo in fase di produzione. Spesso tali cambiamenti vengono effettuati senza che i progettisti ne vengano a conoscenza.

Non si dovrebbe arrivare a tal punto, giusto?

No, non si dovrebbe. Il punto è che se sei un progettista e stai lavorando a un progetto molto complesso, non vuoi che chi fabbrica cambi nulla di ciò che hai progettato e validato con il tuo lavoro. Hai effettuato simulazioni, credi di aver fatto tutto il possibile, poi mandi tutto al produttore che fa degli aggiustamenti di qualcosa che potrebbe aver violato gli obiettivi progettuali.

Il punto di vista del progettista è diverso da quello del produttore, nonostante il loro obiettivo sia comune?

C’è una sorta di lacuna in termini di conoscenza. Un progettista che ha una formazione come ingegnere elettronico, di base non conosce tutte le complessità della produzione e non può avere una comprensione piena delle regole. È proprio per questo che l’ambiente DFM di PADS abilita i progettisti a effettuare i 100 controlli più comuni, portandoli molto oltre, nel processo progettuale. Così, senza bisogno di essere esperti di produzione, diventano in grado di gestire controlli che sarebbero normalmente effettuati dal produttore.

Quando il progettista effettua un controllo, che grado di accettazione si può aspettare dal produttore?

Il 100%. Dentro il tool per progettare adesso ci sono i 100 più importanti controlli di Valor NPI che la maggior parte dei produttori effettua nel corso dei propri processi di verifica.

È questo il collegamento tra i tool di progettazione e quelli per la gestione della produzione?

Non solo. C’è già la tecnologia che porta per davvero a intervenire sul comportamento delle macchine SMT, la quale raccoglie i dati e si occupa della gestione dei materiali e del quality assessment. In futuro vogliamo spingerci oltre in tale integrazione, fino ad arrivare al punto in cui sia possibile intervenire sul progetto in base ai dati sul rendimento reale in produzione ricavati in stabilimento, su quel prodotto specifico, su quelle particolari linee SMT.

Qual è il valore strategico di questa scelta?

Valor attualmente è lo standard de facto per la verifica di producibilità del progetto e Mentor Graphics non vuole semplicemente portare questa suite di prodotti nella “famiglia” Mentor. Si tratta di creare un legame più stretto tra la produzione e la progettazione.

Mentor è sempre stata interessata a essere più di un fornitore di tool per la cattura dello schematico e la sbrogliatura, per guardare all’intero processo progettuale. I nostri clienti sono sempre meno interessati alla sola progettazione e sempre più all’intero processo di creazione del prodotto. Attualmente Mentor è davvero l’unica azienda in grado di offrire una versione “olistica” (ovvero che tiene conto di tutti gli aspetti in tutte le fasi) alla progettazione del PCB.

[Si ringrazia I-Connect007 per i contenuti]

Leggi tutto...
CadlogDalla progettazione alla produzione, cosi col DFM sta cambiando il PCB Design

CAD elettronico: ecco tutte le novità di PADS VX 2.0

on 6 Settembre 2016

Vuole essere un CAD elettronico senza rivali, questo PADS VX 2.0 appena rilasciato da Mentor Graphics, per renderlo ancora di più strumento leader in ambito EDA per il PCB Design. PADS Product Creation Platform è sempre più una piattaforma completa per la creazione di prodotti elettronici di alta qualità. Coi vari strumenti di PADS si può creare qualsiasi cosa, dalla più semplice alla più complessa.

Integrato e scalabile, PADS supporta i progettisti che sono impegnati a tutto campo nel portare a termine un progetto, nell’affrontare i compiti più impegnativi, grazie a un ambiente ad alta produttività, facile da usare ed economicamente sostenibile. Tale ambiente comprende la progettazione dello schematico, la progettazione analogica, la signal e power integrity, l’analisi termica, e la preparazione dal PCB layout alla produzione.

Mentor Graphics ha investito molto in questo nuovo sviluppo di PADS e continuerà a farlo grazie ai feedback provenienti da tutto il mondo.

PADS VX.2 introduce molte nuove opzioni importanti:

Cosa c’è di nuovo in PADS VX 2.0

Miglioramenti nelle funzionalità di migrazione

  • Migrazione del PCB da PADS a PADS Professional a Xpedition® Enterprise
  • Migrazione delle librerie da PADS DX Designer e PADS netllist verso una libreria centralizzata
  • Traduzione da Altium® (e altri strumenti) a PADS layout, PADS Professional e Xpedition® Enterprise

PADS Layout

  • PADS 3D
    • 3D Display Control Dialog migliorato in modo significativo
    • Ulteriormente migliorato il processo per rimappare un modello STEP in Decal
  • Accoglimento di 130 segnalazioni da parte degli utenti in vari ambiti
    • New copper pour engine improves overall quality of flooded/poured copper
    • Aggiornamenti nella rimozione di pads inutilizzate
    • Nuove opzioni in tutte le aree dell’esportazione in ODB++
    • Nuove opzioni in tutte le aree dell’esportazione in PDF
  • Aggiunta l’opzione IPC-2581 Output all’esportazione in ODB++
  • Miglioramenti al file NC Drill
  • Miglioramenti al CAM Output e al Padstack editor
  • Documentazione PADS migliorata con video

Miglioramenti per il progetto integrato

  • Nuove funzionalità relative al progetto integrato che consentono un’agevole transizione dal Flusso Netlist al Flusso Integrato con coerenza di risultati: Associated/Electrical Nets, Virtual Pins, Board Edge e Cooper Clerance to Via, Pad, Trace e Copper.

PADS Logic

  • Opzione Snap to Grid quando si incollano circuiti in Logic
  • Conservazione del designator e di altre ubicazioni di attributi a seguito dell’aggiornamenti di componenti
  • La BOM rende ridimensionabile il dialogo “Fields – Design”
  • Nuove funzionalità per la mappatura e l’aggiornamento dei simboli di terra e alimentazione

Vedi PADS Product Creation Platform

Leggi tutto...
CadlogCAD elettronico: ecco tutte le novità di PADS VX 2.0

Analisi dei segnali: la novità PADS per i PCB con RAM DDR

on 21 Luglio 2016

La recente introduzione di due moduli per l’analisi dei segnali ad alta velocità, all’interno della PADS Product Creation Platform, dimostra come quest’ultima si proponga quale piattaforma più completa tra i software per la progettazione di schede elettroniche. Dopo PADS HyperLynx DRC, per il controllo delle regole di progetto, ecco infatti che arriva PADS HyperLynx DDR, specializzato nell’individuazione di problematiche di signal integrity e di timing nelle schede con RAM DDR, che nella progettazione odierna stanno assumendo un ruolo sempre più importante.

PADS HyperLynx DDR simula le connessioni alle memorie DDR in termini di impedenze, accoppiamenti e timing, per garantirne il corretto funzionamento. Grazie a questo tipo di analisi, è possibile ridurre fortemente la necessità di effettuare vari cicli di progettazione e di prototipazione.

Tra le caratteristiche più significative di PADS HyperLynx DDR c’è l’interfaccia basata su wizard, che facilita notevolmente l’analisi nei progetti con RAM DDR1, DDR2 e DDR3. La simulazione può essere effettuata con qualsiasi numero di dispositivi DRAM. Un report in formato HTML consente una lettura agevole di tutti i risultati in termini di timing e di signal integrity.

La recente aggiunta di questi moduli, che segue quella di PADS FloTHERM XT per l’analisi termica, conferma la chiara volontà di mettere a disposizione dei progettisti un ambiente unico di progettazione, per fare fronte a tutte le necessità di quello che può essere definito “ecosistema” del PCB Design. Ciò consente di coprire tutti gli aspetti della progettazione – dall’inizio alla fine – senza mai uscire dall’ambiente familiare all’interno del quale il progettista indipendente si trova abitualmente a lavorare.

Per chi desidera saperne di più sulla nuova PADS Product Creation Platform, abbiamo organizzato una serie di incontri in tutta Italia, molto “leggeri”, comprendenti una breve presentazione del prodotto nel tardo pomeriggio e poi un aperitivo con buffet per finire la giornata nel modo più sereno possibile. Li abbiamo chiamati PADS PCB Design Happy Hour.

Leggi tutto...
CadlogAnalisi dei segnali: la novità PADS per i PCB con RAM DDR

Offerta speciale PADS Manufacturing Options

on 20 Maggio 2016

Finalmente le migliori opzioni di PADS per portare il progetto in produzione velocemente e senza errori, con la documentazione corretta al miglior prezzo, in un’offerta irripetibile.

Il passaggio dalla progettazione alla produzione è una fase tra le più importanti, nell’industria elettronica, perché da essa dipende in maniera determinante la capacità di realizzare il proprio prodotto in tempi rapidi e senza inutili aggravi di costi.

Per sottolineare l’importanza del passaggio dalla progettazione alla produzione, Cadlog propone un’offerta limitata con scadenza 31 luglio 2016, che abbraccia diversi prodotti che consentono di produrre la migliore documentazione di progetto possibile per chi poi dovrà occuparsi della fabbricazione o dell’assemblaggio.

banner-chiama-ora

PADS DFMA

pads-manufacturabilityL’opzione PADS DFMA integra l’analisi DFM (Design for Manufacturing) nel flusso di progettazione PADS, consentendo di validare il layout del PCB per la fabbricazione e l’assemblaggio prima della produzione. In questo modo è possibile ridurre al minimo i problemi in fase di produzione e la necessità di ricicli (re-spin). L’opzione PADS DFMA, disponibile per PADS Standard Plus, comprende più di 100 tra le analisi per la fabbricazione e l’assemblaggio più comunemente adottate, rendendo semplice e veloce identificare eventuali problematiche che potrebbero provocare ritardi nella produzione. Webinar su questo argomento →

CAM350

CAM350 è lo standard industriale de facto per la verifica, l’ottimizzazione e la generazione di output efficaci ed efficienti per la fabbricazione di circuiti stampati. CAM350 semplifica il trasferimento dei dati dalla fase di progettazione a quella di produzione del PCB. CAM350 importa il database del CAD, verificando che le caratteristiche elettriche soddisfino effettivamente gli obiettivi del progetto. Controlla eventuali errori nel file Gerber ed effettua il Design Rule Check (DRC), per verificare che i layer Gerber corrispondano alle regole definite nel progetto e alle capacità del produttore. Webinar su questo argomento →

Documentation Editor for PADS

Documentation Editor for PADSDocumentation Editor for PADS è lo strumento più innovativo per la generazione rapida ed automatica della documentazione di un progetto elettronico, che redige i disegni necessari alla fabbricazione, assemblaggio e ispezione di un PCB. Il tool genera automaticamente e collega tra di loro un numero praticamente illimitato di viste e dettagli del progetto, mantenendone tutte le informazioni logiche presenti. Il risultato è un documento elettronico realizzato in breve tempo, che mostra chiaramente tutti i dettagli e le informazioni per una corretta fase di produzione. Webinar su questo argomento →

L’offerta:

offerta software x 1

1 dei 3 applicativi = 3.000 €

offerta software x 2

2 dei 3 applicativi = 5.000 €

offerta software x 3

3 dei 3 applicativi = 7.000 €

La scadenza:

31 luglio

banner-chiama-ora

Chiedi informazioni:


CAPTCHA image

* Campi obbligatori

Leggi tutto...
CadlogOfferta speciale PADS Manufacturing Options