Cadlog Blog

News e aggiornamenti per l'industria elettronica e l'ingegneria

oml - open manufacturing language

Industrial IoT, arriva il Software Development Kit per il linguaggio OML

di Paolo Subioli on 13 novembre 2018

È arrivato il Software Development Kit per l’OML, il linguaggio che abilita l’Industrial IoT nell’assemblaggio dei PCB. Adesso sarà possibile sfruttare il plugin del Software Development Kit (SDK) OML per scrivere facilmente applicazioni in grado di trasferire i dati dallo shop floor ai sistemi a livello di fabbrica ed enterprise. Si tratta di un’intuitiva opzione royalty-free che consente di:

  • semplificare l’integrazione del sistema IT con le macchine della fabbrica;
  • controllare le macchine e le linee di produzione in tempo reale;
  • definire un linguaggio comune tra i tema operativi, i fornitori e i clienti.

Cos’è l’Industrial IoT

Per Industrial Internet of Things (IIoT) s’intende oggi l’utilizzo delle tecnologie Internet of Things (IoT) per migliorare la produzione e i processi industriali. Il concetto di Industrial Internet of Things (IIoT) è praticamente sinonimo di Industria 4.0, perché rappresenta la modalità tecnologica di realizzare la cosiddetta quarta rivoluzione industriale.

L’IIoT comprende tecnologie di machine learning e big data per sfruttare i dati dei sensori la comunicazione da macchina a macchina (M2M) e le tecnologie di automazione che già sono presenti da anni nelle fabbriche. Il principio alla base dell’IIoT è la maggiore efficienza delle macchine, rispetto agli operatori umani, nel compiere tutta una serie di operazioni essenziali basate sulla lettura e l’interpretazione dei dati, riguardanti soprattutto l’individuazione di problemi e il recupero dell’efficienza.

Cos’è il linguaggio OML

L’OML è uno standard aperto della Internet of Manufacturing (IoM) e della Industrial Internet of Things (IIoT), che definisce le modalità di interconnessione dei processi produttivi per l’assemblaggio dei PCB, interessando tutti gli elementi del sistema: le macchine SMT, l’ispezione automatica, il test, la riparazione, il re-work.

L’OML viene utilizzato per le soluzioni riguardanti la gestione del magazzino, l’ingegneria, il controllo di qualità, la business intelligence e la gestione dei sistemi informatici dell’azienda. L’OML risponde alla necessità dell’industria di disporre di un nuovo standard per sostituire i protocolli proprietari e legacy e di sostenere iniziative come l’Industria 4.0 e la Smart Factory all’interno degli stabilimenti di produzione.

Cos’è il Free Software Development Kit (SDK)

Le specifiche del linguaggio OML consentono a tutte le macchine dello stabilimento di condividere un protocollo di comunicazione comune tra il posizionamento, l’ispezione, il test, il reflow e la stampa, semplificando e standardizzando il processo di acquisizione dei dati nella fabbrica.

I partner di sviluppo dell’OML possono usare il plugin gratuito del Software Development Kit (SDK) per scrivere applicazioni in grado di trasferire in modo efficiente dati dallo shop floor ai sistemi a livello di fabbrica ed enterprise come il MES e le soluzioni software per la qualità e la gestione della catena di distribuzione (Supply Chain Management). I produttori di macchine, in sostanza, possono utilizzare questa opzione per implementare un “produttore di OML” che traduce i dati nel linguaggio specifico del produttore e li invia agli eventi OML. Il Software Development Kit OML è intuitivo e per essere utilizzato non richiede una conoscenza specialistica dei protocolli di comunicazione.

Quali sono i vantaggi

Il plugin SDK può essere utilizzato sia per scrivere eventi OML in un file JSON, sia per trasferire tali informazioni in un’applicazione ad hoc che sia in grado di interpretarli. Sfruttare le specifiche OML consente di soddisfare tutti i requisiti richiesti per implementare le migliori pratiche della smart factory. Il SDK semplifica enormemente il processo per aggiungere il supporto OML alle macchine esistenti, sviluppando un driver compatibile con l’OML stesso.

I produttori di macchine che hanno un proprio protocollo di comunicazione possono scrivere facilmente dei driver che convertono il proprio protocollo di comunicazione nelle specifiche OML, consentendo così la comunicazione aperta tra le macchine stesse e i processi di lavoro del cliente.

I produttori di macchine che non hanno un proprio protocollo di comunicazione possono sviluppare facilmente e velocemente protocolli di comunicazione e trasferire le informazioni tra le macchine e i processi di lavoro del cliente.

In conclusione, la visione di una Industrial Internet of Things (IIoT) che consente alle macchine di comunicare tra loro in modo intelligente per gestire gli aspetti più critici dei processi produttivi, può essere realizzata solo grazie all’adozione di un linguaggio universale come l’OML. Con questo Software Development Kit, sarà più facile per tutti i produttori di macchine adeguarsi agli standard OML e ai produttori di sfruttarli a proprio vantaggio.

Scarica la brochure in italiano sul linguaggio OML, con esempi di soluzioni realizzate:

Brochure in italiano su OML (Open Manufacturing Language)
Paolo SubioliIndustrial IoT, arriva il Software Development Kit per il linguaggio OML

Articoli correlati

Vi consigliamo la lettura dei seguenti articoli