Cadlog Blog

News e aggiornamenti per l'industria elettronica e l'ingegneria

Stampante 3D circuiti stampati

La stampa 3D per l’elettronica entra in una nuova fase con la partnership tra Nano Dimension e Jabil

Nano Dimension, leader nell’elettronica della stampa 3D, l’anno scorso ha firmato un accordo con Jabil Circuit Inc, iniziando così la sua prima partnership.

Jabil è una società americana che opera nel settore della produzione di componenti elettronici, in particolare circuiti elettrici per i produttori di apparecchiature originali. Offre inoltre servizi per la progettazione e il design dei prodotti, per la gestione del supply chain e per la fase post-vendita (garanzie e riparazioni).

Dopo l’annuncio, Jabil ha accennato all’investimento nella produzione additiva di circuiti stampati, mentre la stampante 3D DragonFly 2020 è stata installata all’interno della base di Jabil San Jose, dove ospiteranno anche altre 6 macchine MJF (MultiJet Fusion).

Nel tentativo di diventare “il fornitore di soluzioni di produzione tecnologicamente più avanzato del pianeta”, Jabil ha adottato rapidamente le tecnologie di stampa 3D nelle sue capacità.
Come parte del nostro futuro della stampa 3D, Simon Fried, co-fondatore e CBO di Nano Dimension, scrive: “Una serie di aziende ha già assunto DragonFly 2020 attraverso il programma beta di Nano Dimension. Le aziende manifatturiere di contratto come Flex e Jabil stanno studiando come la stampa 3D può essere adottata non solo come un potente strumento per una prototipazione rapida ed economica, ma anche come strumento per migliorare il modo in cui opera la produzione.”

“Ci impegniamo ad aiutare i nostri clienti a superare i vincoli dei flussi di lavoro e dei processi tradizionali con una soluzione end-to-end per l’elettronica stampata in 3D”, ha affermato Simon Fried, direttore generale di Nano Dimension. “I PCB stampati in 3D possono ridurre il processo di sviluppo da settimane a giorni e svolgere un ruolo importante nel consentire alle aziende di ottenere prodotti innovativi sul mercato più velocemente e raggiungere i loro obiettivi di business”.

April Butterfield, vicepresidente del gruppo Technology per Jabil, ha dichiarato “Siamo entusiasti di essere stati i primi ad avere la stampante 3D DragonFly 2020 di Nano Dimension come parte della nostra continua valutazione e utilizzo delle tecnologie di punta, mentre collaboriamo con i nostri clienti per portare i loro prodotti sul mercato”

Jabil, ha parlato di come la nuova tecnologia permettesse di produrre schede di circuiti elettrici come parti più sottili, mantenendo tuttavia le stesse proprietà di quelle convenzionali. Diventa chiaro ora che Jabil ha visto cosa può offrire DragonFly 2020. In attesa di brevetto, il processo di Nano Dimension mantiene internamente i componenti elettronici e impedisce la loro esposizione all’ambiente esterno.

In seguito alla partnership con Jabil, Nano Dimension ha distribuito un numero di macchine attraverso un programma beta iniziato e proseguito per tutto l’anno scorso. A luglio è stato annunciato che il programma era stato concluso, che la macchina è stata aggiornata in base al feedback dei clienti. Successivamente, la partnership con i rivenditori è stata stabilita in Europa e in Nord America ed è stato annunciato che Jabil affitterà la principale tecnologia per la stampante 3D dell’azienda.
“Questo è un traguardo importante per Nano Dimension quando entriamo nella fase commerciale della nostra stampante 3D DragonFly2020”, aveva dichiarato Amit Dror, CEO di Nano Dimension al TCT di San Diego. “Siamo orgogliosi ed entusiasti di portare la produzione additiva nel mondo dell’elettronica.”

CadlogLa stampa 3D per l’elettronica entra in una nuova fase con la partnership tra Nano Dimension e Jabil

Articoli correlati

Vi consigliamo la lettura dei seguenti articoli